Corso sul rischio idrogeologico ai Vigili del Fuoco – 3° escursione

DSC01819b

Mercoledì 28 maggio abbiamo svolto in collaborazione con il Prof. Brancucci del DSA della Facoltà di Architettura e con il Dott. Marescotti del DISTAV dell’Università di Genova la terza escursione per il corso dei Vigili del Fuoco presso le miniere abbandonate di Casarza Ligure (GE) e Sestri Levante (GE). In particolare, abbiamo illustrato le problematiche di ‘inquinamento ambientale’ presso la miniera di Rio Bansigo e Libiola.

DSC01801b

Nel dettaglio, la miniera di Libiola, localizzata nel bacino idrografico del Torrente Gromolo è stata tra il 1864 ed il 1962 uno dei più importanti siti italiani ed europei per l’estrazione di solfuri di rame e ferro, con produzione di oltre 1.000.000 tonn di minerale. Da anni, l’ex area mineraria giace in uno stato di totale abbandono e presenta gravi problemi ambientali correlati ai processi di alterazione dei solfuri, conosciuti in bibliografia scientifica come processi di Acid Rock Drainage (ARD). Tali processi naturali comportano una forte acidificazione delle acque circolanti con il rilascio di notevoli quantità di metalli pesanti (cromo, piombo, arsenico, zinco, cadmio, etc etc) potenzialmente tossici come già ampiamente verificato in situ da analisi effettuate negli anni da enti locali e studi di caratterizzazione ambientale, nonché da un’ampia bibliografia scientifica.

DSC01825b

Proprio in riferimento a tali problematiche ambientali, gran parte dei terreni del bacino del Torrente Gromolo lamentano una situazione alquanto delicata a causa dell’inquinamento naturale delle falde acquifere in un contesto reso ancora più critico e problematico dall’intensa antropizzazione dell’area, ricca anche di numerose attività agricole.

eugeniopoggiCorso sul rischio idrogeologico ai Vigili del Fuoco – 3° escursione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.